L’estate sta finendo: I bocciati

È finalmente giunto il momento di parlare delle peggiori cose ascoltate questa estate (qui i promossi). Ergo, sto per tirare fuori la peggio Taylor Swift che è in me.

1115

Reggaeton e simili: Rientrano di certo nella categoria delle peggiori quasi tutte le canzoni latino-americane. Non fanno per me.

8997289112-despacito-despacito-ovunque-meme_a

Poi, mi farò tanti nemici tra gli amici di Maria, dato che quasi tutte le canzoni che ho odiato sono della scuderia della nostrasignora della TV.

Non è il Sudamerica: no Alessio Bernabei, questo non è il Sudamerica e forse sarebbe il caso che tu ci emigrassi per un po’. Non è un reggaeton ma è persino peggio. Il testo è un concentrato di banalità, la musica è tamarrissima e non riesco nemmeno a trovarne elementi trash da apprezzare. È proprio brutta. Non ho nemmeno grandi aspettative per il futuro. Tra infiniti e standing ovation post-coito dell’universo, non ho speranze che l’ex Dear Jack tiri fuori qualcosa di interessante.

Nel male e nel bere: il titolo, quello è carino. Il resto no. Va bene l’immagine di bello e maledetto di Briga, ma nessuno nota che sto qua continua a fare canzoni al limite del misogino? Per me è un no (cit.)

Riccione: ho già espresso il mio disappunto qui. Non spendo altre parole a riguardo.

Riki: cito lui, non le canzoni. Ne ha fatte girare ben tre. Non ne salvo una. Forse con una produzione decente sarebbero state carine. In fondo ho apprezzato Benji e Fede, che come target di riferimento siamo lì. Riki no. Sarà che ogni due per tre si vanta di quanto sia figo, dei dischi venduti o dei follower conquistati. Rosico? Può essere. Suggerisco però al ragazzino di volare basso. I suoi predecessori hanno letteralmente sputato nel piatto in cui hanno mangiato e gli è rimbalzato esattamente in faccia.

urdnk4

Il meglio sta arrivando: Marco Carta mi dispiace, ma il meglio arriva sicuramente con la prossima canzone. Non tua.

La fine del mondo: lo scorso anno, non si sa come, Gualazzi scalò le classifiche con l’Estate di John Wayne. Ci ha riprovato anche quest’anno con una brutta copia. Il risultato? Un mero e noioso esercizio di stile.

Abbracciami perdonami gli sbagli: Bianca Aztei è uno dei misteri della discografia italiana. È indubbiamente una brava interprete, ma non le si può trovare un pezzo scritto e prodotto decentemente? Tra i mandolini dell’ultimo Sanremo e sta tamarrata qui – che suona come uno scarto di Britney di 5 anni fa – non so cosa sia peggio. Abbiamo capito che l’elettronica è molto di moda di recente, ma non tutti hanno Michele Canova alle spalle o il timbro vocale della Michielin. #salviamoBiancaAtzei

Freud: Nek in piena crisi di mezza età. Reinventarsi non significa fare delle produzioni cheap imitando Justin Bieber e suonando già vecchio al primo ascolto. Il video? Ma l’hanno fatto con Snapchat ? O volevano essere cool prendendone l’idea?

Cold: ma che è successo ai Maroon 5? Gli avevo quasi perdonato Don’t Wanna Know e la caccia ai finti Pokémon. Ma questa canzone? Che roba è? E il nuovo singolo è persino peggio (con calma ne parlerò).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...