L’Estate sta finendo: I rimandati

Dopo i promossi e i bocciati, è il turno dei rimandati a settembre. Ci sono canzoni che non ho odiato ma nemmeno amato. Quelle che stavano li in sottofondo e che capitava di canticchiare ogni tanto.

Voglio ballare con te: un altro successo di Baby K, ne ho parlato a fondo qui. Un po’ troppo prevedibile e da manuale. Funziona ma non mi esalta.

 

La statua della mia libertà: l’esordio solista di Samuel mi ha convinto a metà. La Risposta mi aveva conquistato in pieno, gli altri singoli molto meno. Vedremo con il prossimo in uscita per l’autunno.

 

Pamplona: non sono mai stato un fan di Fabri Fibra, specialmente quando si eleva al rapper migliore e poi cede alle ruffianate come il duetto con la band più richiesta del momento. Uno dei pezzi più profittevoli di questa estate che sta per concludersi, ma non mi ha contagiato come avrebbe dovuto.

 

Lento/Veloce: non ho problemi ad ammettere che Tiziano Ferro è tra gli artisti che apprezzo di più. Questo brano mi riporta al suo periodo migliore, quello di 111 per intenderci, perdendo però la freschezza di quell’album. Iper-prodotto, troppo confusionario, dopo un po’ di ascolti stanca. Meglio la versione remix in spagnolo. Il prossimo singolo sarà Valore Assoluto, decisamente migliore.

 

Credo: indubbiamente Giorgia è una delle migliori interpreti in Italia anche se il suo repertorio non sempre è degno del suo talento. Michele Canova poteva spingere di più. Il pezzo, scritto da Tony Maiello, è forte ed orecchiabile, ma l’arrangiamento ricorda troppo produzioni americane già vecchie 4-5 anni. Solo Giorgia può permettersi di spingersi oltre e dovrebbe.

 

Mi hai fatto fare tardi: altro pezzo scritto da Tommaso Paradiso, questa volta per Nina Zilli. Lei ritorna alle proprie radici reggae ma sporcandosi con i suoni elettronici tanto in voga tra gli artisti italiani. Stesso problema di Giorgia, grande talento ma repertorio non adatto. Convinto a metà.

 

Crazy: I TheKolors sono gli unici Amici di Maria che riesco a salvare. Lo sputazzo gli è costato caro e i numeri sono notevolmente calati rispetto agli esordi. Non si può negare che sono forse i più talentuosi usciti dal carrozzone della De Filippi. Il pezzo è carino ma se riuscissero a scrivere in italiano mantenendo lo stesso stile, farebbero Bingo.

 

Ragazza Paradiso: Ermal Meta è un bravo autore, scrive canzoni pop senza cadere nel banale. Quando ci mette la voce propria convince a metà. La produzione non è delle migliori, lascia sempre quella sensazione di “carino ma niente di che”.

 

Come nelle favole: il Blasco solitamente è intoccabile. Chi se ne frega. Non fa una canzone decente da anni e questa è un altro esempio. La si ascolta ma la si dimentica subito dopo.

 

No Vacancy: capisco che i bravi artisti cerchino sempre di rinnovarsi, specialmente se sei l’autore di gran parte delle hit mondiali. Gli One Republic con l’ultimo singolo hanno completamente perso la loro identità. Cantato da qualcun altro, il brano avrebbe potuto funzionare meglio. L’aggiunta all’ultimo di Tiziano Ferro è inutile come le comparsate di Fedez nei pezzi di Ariana Grande e Alessia Cara.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...