Riki – Se Parlassero di Noi

È venerdì, il weekend sta per iniziare e non c’è nessun motivo per scaricare la frustrazione di una settimana sparando fango su qualcuno.

Con questo buono proposito ho ascoltato il nuovo singolo di Riki, millantato astro nascente del pop italiano.

Se parlassero di noi esce a soli 5 mesi dalla pubblicazione del multi-platino Perdo le parole. Sfornare EP e Album nel giro di pochi mesi è tipico di chi esce da un talent, occorre battere ferro finché caldo, questa è la frase tipica.

Certo nel caso di Riki, dato il grande successo, si poteva pensare più a una riedizione che alla pubblicazione di un album totalmente nuovo.

Nessuno mette in dubbio che in poco tempo si possa scrivere qualcosa di eccezionale, ma non è certo questo il caso, almeno ascoltando il primo estratto del nuovo progetto. Riki rimane sullo stesso genere dell’EP dell’esordio, pop elettronico di facile presa che si rivolge a un target ben preciso.

A differenza degli altri singoli finora pubblicati, Se parlassero di noi è una ballata, ma la produzione è ancora molto grezza, l’arrangiamento poco curato, la voce che sembra troppo ritoccata, specialmente sul ritornello.

Se si vuole fare le cose per bene, occorre prendersi i tempi giusti, lavorarci, ascoltare e riascoltare mille volte, ma non sembra la priorità della casa discografica né dello stesso Riki.

Se il pezzo non mi piace, il personaggio che si sta creando ancor meno.

Ma io dico, sarà anche intonato e avrà venduto un botto di dischi, ma un minimo ne sarà consapevole che il successo sia principalmente dovuto al suo bel faccino e non per meriti artistici?

Ascoltandolo, specialmente in questa canzone, mi ricorda molto Paolo Meneguzzi ma in una versione adattata agli adolescenti di questi tempi. Suona uguale, voce simile, testi stesso livello.

Domanda che fine ha fatto Paolo Meneguzzi ?

Ecco, non voglio augurarglielo a Riki, perché non sono così stronzo. Poi dipende dagli obiettivi. Se sono i soldi e il successo, continuate a fare così finché dura. Se un minimo pensate alla musica, magari una strategia di lungo termine non farebbe male, perché la Riki Mania può dissolversi con la stessa velocità con cui è esplosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...