BENJI & FEDE – Moscow Mule: Recensioni|Audio|Video|Testi

Il duo più amato dalle ragazzine torna con il singolo estivo Moscow Mule.

On Demand con Shade è passato quasi inosservato, ecco perché la pubblicazione del nuovo singolo a distanza di poche settimane.

Niente da fare, Tutto per una ragione era un’altra storia, grazie anche al supporto di Annalisa.

Moscow Mule non decolla, il ritornello è piatto e non incide, l’arrangiamento sa già di vecchio.

P.S. Li ho sentiti parlare per la prima volta durante il live di Annalisa trasmesso su RTL.
Mi spiace, ma li ho trovati parecchio insopportabili, meglio lasciarli cantare e basta (e questo la dice lunga).

Testo

Io che non so nuotare
ho imparato da poco
io che non so ballare
faccio ballare loro
e non mi chiedere a cosa penso
perché sono mesi che non penso
vorrei andare in un posto diverso

ultimamente me ne frega un terzo
sai quanto me ne importa di una casa in centro
dei mille discorsi in giro su di me
a pensare male a volte si fa centro
e a pensare agli altri ho trascurato me
poi è arrivata l’estate
ho imparato a nuotare
sto imparando a ballare sto posto è stupendo non ci sto credendo

L’abbiamo fatto davvero
potremmo dire io c’ero
abbiamo preso un aereo poi siamo saliti più in alto più in alto del cielo
e non voglio tornare

e anche se tutto si spegne la musica scende
tu non ti fermare continua a cantare
quel giorno davvero
potremmo dire io c’ero

Io che non so baciare
ho imparato da poco
io che non so parlare
lascio parlare loro
e non mi chiedere se è tutto a posto tu
piuttosto metti meno ghiaccio al Moscow Mule

non andare in ansia se non posto più
ti ricordo che non mi hai risposto più
sta finendo l’estate
ho imparato a baciare
sto imparando a parlare sto posto è stupendo non ci sto credendo

L’abbiamo fatto davvero
potremmo dire io c’ero
abbiamo preso un aereo poi siamo saliti più in alto più in alto del cielo
e non voglio tornare
e anche se tutto si spegne la musica scende tu non ti fermare continua a cantare
quel giorno davvero
potremmo dire io c’ero

E sotto un cielo d’Agosto il sole bacia il mare
e io bacio te
che mi dicevi andiamo via di nascosto
lontani dal mondo
lo dicevi sempre poi

L’abbiamo fatto davvero
potremmo dire io c’ero
abbiamo preso un aereo poi siamo saliti più in alto più in alto del cielo
e non voglio tornare
e anche se tutto si spegne la musica scende tu non ti fermare continua a cantare
quel giorno davvero
potremmo dire io c’ero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...