Alessandra Amoroso – La Stessa: Recensione | Audio | Video | Testo

L’estate sta per volgere al termine, gli acquazzoni arrivano e insieme alla malinconia.

Mentre i nostri cervelli sono ancora completamente tramortiti dai ritornelli martellanti di Giusy Ferreri, Baby K e Thegiornalisti, l’industria discografica si prepara alle uscite autunnali.

Come più volte annunciato l’ex vincitrice di Amici e ormai stella indiscussa del pop melodico italiano, fa ritorno.

Alessandra Amoroso  lancia a sorpresa il suo singolo La Stessa in una domenica qualunque di Agosto per festeggiare con i fan il suo compleanno.

La canzone parte con un elenco di cose a cui danno fastidio alla nostra Alessandrina, ci fa capire quanto le rode che ci sia brutto tempo, che gli altri facciano festa mentre lei sta chiusa in casa, e di quanto le scocci di fare sempre le stesse cose.


Vuole cambiare ma in fondo, come canta nel ritornello, vuole rimanere un po’ la stessa.
Praticamente una metafora che nonostante ci sia voglia di evolversi e di esplorare altro, Alessandra è ancora Alessandra.

Musicalmente infatti riprende il discorso lasciato con Vivere a Colori, melodico ma alleggerito da un arrangiamento contemporaneo.

Francamente io sono uno dei pochi che abbia apprezzato il lavoro che Canova e Tiziano Ferro avevano fatto con lei in Amore Puro, forse arrivato troppo presto nella carriera di Alessandra.
La sua voce e il suo timbro si sposano meglio su canzoni suonate che su basi create al computer. Mi dispiace che la sua anima più R&B non sia stata ancora esplorata del tutto, ma vedremo cosa ci sarà nel nuovo album.

Intanto, come dice lei, il tempo delle canzoni estive è finito e, quindi becchiamoci sto nuovo singolo che è una conferma di quanto fatto in passato, che ci piaccia o meno.

 

Testo

Ridi, ridi come ridi tu
se ti va puoi restare però
se piove ti prego accompagnami al mare
perché mi dà fastidio
se c’è grigio da giorni
e ricordare che dall’altra parte del mondo
qualcuno guarda il sole

L’amore si fa non lo s’impone
se ti va me lo insegni però
se ho voglia di uscire lasciami fare
perchè mi dà fastidio
non muovere un passo
e ricordare che dall’altra parte del mondo
c’è chi toglie i tacchi per ballare

Ora che il vento ci spettina il cuore
dimmi che cos’altro ti sembra davvero importante
ora che cambio la giacca e la destinazione
ragazza colore autunno non sarò più

Tornerà la voglia di correre
vestiti così potremmo essere
protagonisti di qualsiasi film
tornerò io
tornerai tu
torneranno le mode, le canzoni d’estate
ma io sarò la stessa se ci sei tu

Ridi, ridi, come ridi tu
se rimani va bene però
l’abitudine lasciala fuori
perché mi dà fastidio
vedere nulla di nuovo
si parla sempre d’amore per poi
non farlo veramente

Ora che il mare riordina il cuore
dimmi cos’altro ti sembra davvero importante
ora che cambio la pelle e la destinazione
ragazza colore autunno non sarò più

Tornerà la voglia di correre
vestiti così potremmo essere
protagonisti di qualsiasi film
tornerò io
tornerai tu
torneranno le mode, le canzoni d’estate
ma io sarò la stessa

Tornerà questa voglia di correre
se mi guardi così potremmo essere
in prima fila dell’ultimo film
tornerò io
tornerai tu
torneranno settembre, le spiagge deserte
ma io sarò la stessa se ci sei tu

Prenoterò il tuo buon umore
e una camera con vista
Io sarò la stessa
tornerò io
tornerai tu
cambieranno le mode, le canzoni d’estate
ma io sarò la stessa se ci sei tu
la stessa se ci sei tu

Tornerò io
tornerai tu
torneranno settembre, le spiagge deserte
ma io sarò la stessa se ci sei tu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...